Argentina di passare nuova legge mineraria questa settimana

autorità argentine, gli operatori del settore ei sindacati sono tenuti a firmare questa settimana un accordo minerario federale a lungo atteso che unifica la legislazione esistente in tutto il paese, come parte di uno sforzo continuo per far ripartire gli investimenti nel settore.

La nazione, un tempo uno dei preferiti di investitori minerari, è caduto dietro i suoi vicini Cile e Perù, nonostante contenente ricchi giacimenti di rame, oro, argento e zinco.

Fino ad ora, le normative locali non erano solo difficile, ma anche diverse, con sette del paese 23 province che hanno un divieto totale sull'uso di cianuro verso le problematiche ambientali.

Dal suo insediamento alla fine del 2015, il presidente Mauricio Macri sta adottando misure per rilanciare l'industria mineraria del Paese. Uno dei primi è stato  eliminando una tassa del 5%  sulle società minerarie ed energetiche nel febbraio dello scorso anno.

Inoltre ha revocato il divieto di compagnie minerarie straniere invio di utili realizzati in Argentina fuori dal paese.

Ora, la sua amministrazione è in procinto di approvare una  legge sulle miniere a livello nazionale  nella speranza di spianare la strada per il gol più ambizioso di Macrì - per raddoppiare gli investimenti nel settore a $ 25 miliardi in otto anni.

Sotto il precedente presidente Cristina Fernandez, che  ha aumentato il ruolo dello Stato , l'Argentina ha ricevuto solo $ 10 miliardi per il periodo 2007-15. Negli stessi anni, gli investimenti minerari del Cile sono stati pari a $ 80 miliardi e Perù di $ 52 miliardi.

La nuova legge, giornale locale  L'Opinión Austral riporta  (in spagnolo), si suppone per dare stabilità fiscale per gli investitori, contribuire ad evitare conflitti con i governi locali e conquistare il sostegno delle comunità locali per l'industria mineraria, nello stesso modo in cui il precedente governo ha fatto con l'industria petrolifera. Ma gli analisti di BMI di ricerca avvertono dei rischi imminenti che potrebbero contrastare i piani di Mecri:

“Dati economici Q117 più debole del previsto suggerisce bassi rischi IDE per la nostra previsione di crescita del PIL reale del 3,1% nel 20 17 e la possibilità di ricaduta politica che minare il potenziale di crescita”, che scrivono. “Se la crescita organica non si solidifica nei prossimi mesi, la coalizione di Macri potrebbe essere indebolita in ottobre elezioni di medio termine, che potrebbe vedere le politiche economiche pollice verso le politiche più interventiste dei suoi predecessori (...) Per quanto riguarda l'industria mineraria, qualsiasi spostamento lontano da attività di Macri riforme amichevoli sarebbero scoraggiare gli investimenti e l'incertezza che conduce fino alle elezioni di medio termine è probabile che ritardare alcune decisioni finali di investimento.”

Gli esperti dicono che il BMI altro rischio verrà dalla maggiore controllo del consumo di acqua minatori, che rischia di aumentare le tensioni tra le imprese e le comunità locali e che porta a norme supplementari.

“Mentre ci aspettiamo che l'attenzione per sostenere la crescita dell'industria mineraria a livello federale per compensare i problemi provinciali, opposizione locale e la pressione politica potrebbe danneggiare l'attrattiva di Argentina come destinazione investimenti nel settore minerario”, conclude BMI.


Tempo post: Mag-10-2017
WhatsApp Online Chat !